EIACULAZIONE PRECOCE

L’eiaculazione precoce viene definita come «persistente o ricorrente eiaculazione a seguito di minima stimolazione sessuale, o prima, o durante, o poco dopo la penetrazione, e comunque prima che il soggetto lo desideri». L’incidenza epidemiologica di questa disfunzione è di circa il 40% degli uomini trattati per disfunzioni sessuali. Frequentemente nei pazienti giovani l’eiaculazione precoce è complicata da disturbi dell’erezione; per converso, si è dimostrato che alcuni pazienti possono soffrire di eiaculazione precoce successiva al disturbo dell’erezione in circa il 27% dei casi.

In generale, l’eiaculazione precoce può manifestarsi in tre tipologie cliniche differenziate:

  1. come unico sintomo nei soggetti giovani in forma primaria, sin dalla pubertà: frequentemente essi hanno eccellenti capacità di erezione e di orgasmi multipli con periodo refrattario scarso o nullo, correlati a un grado elevato di impulso sessuale. Tali soggetti presentano, generalmente un elevato grado di ansietà psiconeurotica e disturbi neurovegetativi;
  2. come sintomo associato al disturbo d’erezione (anche in tempi differenti): si verifica maggiormente in soggetti giovani con normalità del desiderio sessuale, ma con elevato grado di ansietà durante l’attività coitale, spesso a causa di fattori stressanti di varia natura ed entità, per incompatibilità e ostilità di coppia, per modificazioni nelle abitudini sessuali, a causa di relazioni extraconiugali, di ansietà da performance o di conflittualità intrapsichiche;
  3. come sintomo associato a disfunzione erettile nei casi di eiaculazione precoce secondaria. L’esordio è insidioso, con episodi di eiaculazione ritardata o assente: si manifesta in soggetti di età avanzata nei quali, generalmente, le erezioni nei tentativi di coito sono spesso insufficienti e quando l’eiaculazione avviene è solitamente prematura. In questi soggetti si può osservare un graduale decremento dell’attività sessuale, del desiderio e della capacità di risposta erotica, che si manifesta in un periodo di diversi mesi o di anni. Il livello di ansietà, se presente, è basso, di tipo subacuto o cronico e ne complica il decorso, con un quadro generale di astenia e ipotonia sessuale.

L’elaborazione del disturbo principale deve tener conto di tre parametri fondamentali:

a) il punto di vista del paziente sul problema, sulla sua durata e sulle sue eventuali variazioni;

b) gli eventi associati con l’insorgenza, la esacerbazione o la remissione del disturbo;

c) le convinzioni del paziente sulle cause del disturbo stesso e le preferenze del paziente riguardo al trattamento.

È importante valutare la forma clinica di decorso distinguendo l’eiaculazione precoce in: episodica; ricorrente; persistente. Inoltre bisogna stabilire: se l’eiaculazione precoce è permanente o acquisita (cioè se è successiva a un normale svolgimento di attività sessuale), generalizzata o situazionale (cioè limitata a certe situazioni o al rapporto con certi partner); se il mancato controllo dell’eiaculazione avviene con o senza orgasmo; se si verifica durante la masturbazione; se l’emissione del seme avviene durante i preliminari che precedono il rapporto sessuale; se l’eiaculazione precede o accompagna la penetrazione o si verifica entro i primi 15 movimenti del pene dopo la penetrazione; se è associata a disturbi dell’erezione.

A livello terapeutico se si associa la terapia medica a quella psicologica la percentuale di guarigione è intorno all’85%, per contro, trascurare il problema può causare notevoli disagi nella vita di una persona.

EIACULAZIONE RITARDATA

Corrisponde ad una inibizione del riflesso eiaculatorio, ed ha vari livelli di gravità. Va considerata primaria se il soggetto non è mai riuscito a raggiungere un orgasmo, secondaria quando il problema si è sviluppato in un momento successivo. Anche la eiaculazione ritardata può portare, per frustrazione, ad una impotenza secondaria.

E' raro che origini da cause organiche, talvolta dipende dall’assunzione di farmaci adrenergici-inibitori. Psicoanaliticamente è considerata una forma di impotenza che può essere dovuta ad una insicurezza che è venuta a formarsi nella coppia. Una eiaculazione ritardata secondaria è spesso causata da uno o più eventi traumatici. Per curare questo disturbo, va detto che la procedura varia da soggetto a soggetto, ma l'obiettivo è quello di vincere l'ansia.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.