FIMOSI

Quando la pelle del prepuzio non si ritrae dietro il glande si instaura una condizione patologica denominata fimosi. All’età di 3 anni il 90% dei bambini ha un prepuzio che si retrae e a 17 anni meno dell’1% dei maschi presenta una fimosi. La fimosi può essere primitiva o secondaria. La fimosi primitiva è caratterizzata da una porzione di prepuzio troppo stretta, quasi mai a carico della parte più distale, per cui essa si evidenzia solo quando si retrae la pelle nel tentativo di scoprire il glande. Il bimbo, prima o poi, andrà incontro a fenomeni infiammatori con arrossamento ed edema del prepuzio in tutto o in parte (balaniti o balanopostiti). In questi casi compaiono anche prurito e dolore locale, bruciore minzionale, disuria, ritenzione riflessa e talvolta infezioni delle vie urinarie. Se gli episodi si ripetono si determina un’infiammazione cronica (balanopostite cronica) che genererà sclerosi più o meno estesa del prepuzio. In questi casi, solitamente, è la parte più distale a stenotizzare dando origine alla fimosi secondaria.

Essa è presente, abitualmente con la stessa eziologia secondaria a balanopostiti croniche, anche in persone adulte, specie se diabetici e, in tal caso, può rappresentare il sintomo di esordio della malattia. Nella fimosi secondaria il prepuzio è biancastro, la pelle è spessa e l’orifizio può essere tanto stenotico da diventare puntiforme e causare ritenzione urinaria meccanica. La sclerosi, oltre che tutta la faccia interna del prepuzio, può interessare specie nell’adulto anche il frenulo, il glande e talvolta il meato uretrale esterno che in taluni casi si stenotizza tanto da rappresentare a sua volta una probabile causa di ritenzione.

La fimosi nella forma conclamata non è dolorosa, a meno che non si tenti forzatamente la retrazione del prepuzio. Nei bambini essa può portare a infezioni delle vie urinarie. Nell’adulto può può rendere dolorosi i rapporti sessuali e porta frequentemente a eiaculazione precoce, più spesso riflessa. La ritenzione cronica di smegma e scarsa igiene costituiscono una condizione a rischio per l’insorgenza del cancro del pene, patologia da cui sono immuni i popoli che per religione o tradizione praticano la circoncisione (Intervento chirurgico di asportazione del prepuzio) che resta la soluzione definitiva.

Sino a pochi anni fa e, purtroppo in molti casi ancora oggi, il bambino era destinato alla chirurgia che prevedeva la circoncisione completa od altre metodiche chirurgiche alternative. Questo non è sempre necessario ed esistono oggi delle metodiche alternative 'non chirurgiche' per trattare la fimosi. Ci riferiamo al cosiddetto trattamento steroideo topico vale a dire all'applicazione di un piccolo quantitativo di crema a base di cortisone sulla porzione distale del prepuzio. Tale metodica, prevede l'applicazione serale di una certa quantità di pomata steroidea sul prepuzio per un periodo di 15 giorni.

L'effetto della crema steroidea è quello di determinare un'azione antiflogistica ed antifibrotica a carico della cute prepuziale con la restituito ad integrum della normale elasticità cutanea. Il trattamento è del tutto innocuo e non determina effetti collaterali significativi se si eccettua un modesto prurito nei primi giorni di terapia. La crema va applicata sia esternamente sia all'interno del canale prepuziale.

Al mattino il bambino sarà lavato esternamente avendo cura di non retrarre forzatamente il prepuzio sino a che quest'ultimo non abbia riacquisito la sua normale elasticità. I risultati sono assolutamente soddisfacenti infatti 80 bambini su 100 possono evitare l'intervento chirurgico. Nei casi in cui la terapia steroidea non risolva il problema sarà necessario effettuare un intervento chirurgico correttivo.

Frenulo del pene

Il frenulo del pene è il sottile lembo di pelle che unisce il glande al prepuzio. Questo tessuto, molto sensibile e ricco di vasi sanguigni e di ricettori del piacere, duranto l'atto sessuale, essendo particolarmente sollecitato, può andare incontro a parziali lacerazioni, con conseguente vistoso sanguinamento. In alcuni individui, anche dopo la pubertà, il frenulo rimane corto e impedisce al prepuzio di scoprire interamente il glande oppure provoca una sensazione di fastidio durante l'erezione, in tali casi è possibile eseguire un intervento di frenulotomia, nel quale viene fatta una incisione sul frenulo in anestesia locale, che guarisce nell'arco di una o due settimane.

PARAFIMOSI

Un prepuzio solitamente lungo, che ha un anello fibrotico non tanto stretto da impedirgli di retrarsi dietro al grande è la condizione anatomica predisponente alla parafimosi. Essa si verifica se il prepuzio resta a lungo retratto dietro al glande non potendo più riprendere la posizione iniziale.

La parte di prepuzio a valle dell’anello e il frenulo vanno incontro a edema marcato e se la parafimosi data da molto tempo l’anello fibrotico stenosante e la pelle a esso più prossima possono diventare necrotici. Per la riduzione manuale della parafimosi bisogna far regredire almeno parzialmente l’edema. La soluzione definitiva è comunque la circoncisione vista anche la tendenza a ricidivare della parafimosi.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.